Entra nel vivo il progetto “Hockey: un’occasione per fare prevenzione”

I primi test si sono svolti a metà maggio sotto la supervisione del Dott. Bologna



Prosegue il progetto realizzato in collaborazione con il Dott. Marco Bologna. Dopo la misurazione di peso e altezza, sono iniziati i test che permetteranno di valutare meglio la condizione fisica dei ragazzi.

I test sono un’occasione utile per conoscere meglio le proprie capacità e i propri limiti, uno dei compiti dell’adolescenza è, infatti, proprio quello di imparare a conoscersi sotto ogni punto di vista.

Lo sport, sicuramente, permette di confrontarsi con sé stessi e con gli altri nei momenti di gioco e di spogliatoio in un ambiente dove la presenza degli allenatori, dei dirigenti e del medico permette un confronto sereno e controllato. Questo è importante per la crescita dei ragazzi che pian piano acquistano autonomia e sicurezza.


Il test che è stato svolto a metà maggio misurava, anche se non in maniera perfetta, il massimo consumo di ossigeno, non è solo un dato sportivo utile agli allenatori ma rappresenta, soprattutto, un fattore di prevenzione, non solo cardiovascolare.

Diversi dati di letteratura dimostrano che, avere un buon massimo consumo di ossigeno durante l’adolescenza, è un fattore di protezione anche per patologie neoplastiche e autoimmuni.

Tutti i ragazzi che si sono sottoposti ai test hanno dimostrato di avere un buon massimo consumo di ossigeno, anche se qualche prestazione può essere migliorata.

Nelle prossime settimane proseguiranno i test e si comincerà anche con le visite mediche. Il tutto verrà organizzato e pianificato dal referente del progetto, il Dott. Marco Bologna.


#diavolisesto


33 visualizzazioni0 commenti