Yuri Kozachuk si racconta: dall’impegno con la scuola hockey al nuovo ruolo con la Libertas

Yuri è uno dei riferimenti della scuola hockey rossonera e da questa stagione anche head coach del gruppo Libertas

Perché l’hockey piace così tanto ai bambini?

Questo sport è affascinante, soprattutto per i più piccoli che si approcciano al ghiaccio per la prima volta: è divertente e favorisce lo spirito di squadra. Prima di essere atleti in pista e compagni questi ragazzi sono prima di tutto amici.


Cosa ti piace e ti gratifica del lavorare con bambini che si avvicinano per la prima volta al mondo del ghiaccio?

La mia soddisfazione più grande è vedere l’entusiasmo negli occhi dei bambini quando imparano qualcosa di nuovo. Seguirli in pista è a volte faticoso, soprattutto i più piccoli sono molto vivaci e non si fermano mai; quello che mi dà la carica è la loro felicità nell’apprendere, imparano molto velocemente. La loro gioia mi carica ed è il motivo principale per cui sono in pista.


Da questa stagione sei head coach del gruppo della Libertas: che obiettivi ti sei dato con i ragazzi?

Mi piace molto questo progetto: grazie alla Libertas si dà la possibilità di far conoscere il mondo dell’hockey anche a ragazzi più grandi che non si sono mai avvicinati al ghiaccio. L’obiettivo principale che mi sono dato con questi ragazzi è quello di insegnare loro le basi del pattinaggio che sono fondamentali in questa disciplina.


#diavolisesto

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti